Crea sito

Nero come un canarino

Debutto: 28 febbraio 2015
 

Nero come un canarino
di Aldo Nicolaj

Regia: Fausto Beretta
con: Luigi Corno, Nicolina Ferreri, Mario Serra, Elisa Prada, Annalisa Colella, Elisabetta Brunetto, Massimiliano Riviera e Michela Virgili

Collaborano: Gloria Bonaccorso e Nadia Acarnici
Tecnico audio: Filippo Giampaolo
Tecnico luci: Mario Serra
Scenografia: Franco Moret
Locandina: Milena Prada

Riconoscimenti

- 1° premio di 2° grado al PREMIO TEATRO 2014-2015 GATaL

 ESCAPE='HTML'

In un paese avvenieristico, dove non c'è più un albero nè un filo d'erba, sotto un cielo grigio popolato da antenne e ciminiere, un commissario indaga su una donna sospettata di aver avvelenato tre mariti. Gilda è l'unica romantica rimasta, l'ultima a coltivare ancora fiori e allevare canarini veri, in un mondo dove tutto è ormai di plastica, perchè la plastica non sporca e non dà fastidio. Nel corso delle indagini però il commissario si lascia affascinare da questa donna... candidandosi a diventare la sua prossima vittima.

Poco rappresentato in Italia, "Nero come un canarino" trova più fortuna all'estero. Debutta al Teatro Reale di Amsterdam l'8 marzo 1967 e nel 1969 va in scena a Bucarest al teatro Nottara.

 ESCAPE='HTML'

L'autore: Aldo Nicolaj

Aldo Nicolaj è nato in Piemonte, a Fossano, il 15 marzo 1920 ed è morto a Orbetello, Toscana, il 5 luglio 2004.
Commediografo versatile e prolifico, con le sue opere ha accompagnato l’evoluzione storica e sociale della seconda parte del novecento, osservando la realtà con sottile ironia e moderato pessimismo. Con i suoi testi è passato dal simbolismo al neorealismo, dal surrealismo intimista al teatro della crudeltà e dell’assurdo, sintonizzandosi perfettamente con le diverse tendenze che si sono manifestate nel mondo della scrittura teatrale. La sua produzione è cominciata con opere di impegno sociale (osteggiate dalla censura dell’epoca) per continuare con lavori apparentemente più sorridenti, ma che costituiscono sempre una critica ironica e graffiante del costume e del modo di vivere del nostro tempo.

 ESCAPE='HTML'